Ipocondria

Come aiutare una persona ipocondriaca?
Una persona ipocondriaca è ossessionata dall’idea di avere un problema di salute e vive ogni sensazione del proprio corpo come conferma di una grave malattia tanto da pensare che il mal di testa sia indicativo di un tumore al cervello o che un dolore al petto o un po’ di tachicardia sia da attribuire ad una grave patologia cardiaca. Per sedare tali preoccupazioni la persona si sottopone a visite mediche e controlli ripetuti, ricerca continuamente su internet informazioni sulla malattia temuta evitando tutte quelle situazioni che possono avere un impatto sul presunto problema di salute. La persona parla lungamente dei sintomi lamentandosi della sua grande sofferenza e ciò alimenta frustrazione e impotenza sia nel paziente che nei familiari portando a volta un deterioramento delle relazioni a casa e a lavoro. Le rassicurazioni dei medici e delle persone vicine offrono soltanto un sollievo momentaneo in quanto la soluzione a tale disagio non è una diagnosi certa di “non malattia”. La cura dell’ipocondria implica l’imparare a gestire le sensazioni di disagio e lo stato ansioso associato al disturbo: spesso la persona interpreta erroneamente alcune sensazioni corporee sovrastimando la loro pericolosità per questo diventa importante ascoltare il proprio corpo comprendendo ad esempio che la frequenza del battito cardiaco può alterarsi per via dello stress e che focalizzando l’attenzione su ogni sensazione questa verrà avvertita più del dovuto innescando un circolo vizioso di ansia e conseguente risposta neurovegetativa. Generalmente le persone ipocondriache hanno delle difficoltà ad accettare e gestire la propria vulnerabilità e le incertezze insite nella vita tanto da sviluppare pensieri negativi su di sé e sul proprio stato di salute. Un percorso di psicoterapia può essere d’aiuto per prendere le distanze dall’interpretazione dei sintomi come segno inequivocabile di grave malattia e comprendere le motivazioni più profonde del malessere sviluppando una maggiore consapevolezza e sicurezza di sè.